Il futuro digitale dell’Unione europea: nuove categorie di intermediari digitali, nuove forme di responsabilità

  • Maria Romana Allegri Università di Roma
Parole chiave: Commissione europea, Pacchetto digitale, Intermediari digitali

Abstract

Il “pacchetto digitale” proposto dalla Commissione europea a dicembre 2020 segna l’affermazione dell’Unione come centro di potere sovrano sull’ambiente digitale, non solo rispetto alle grandi imprese multinazionali che gestiscono il flusso di informazioni in Internet, ma anche rispetto agli Stati nazionali, i quali vanno via via perdendo la possibilità di disciplinare in modo autonomo i fenomeni che avvengono online. Per realizzare tale obiettivo, la Commissione europea si è mossa principalmente lungo tre direttrici: 1) il data sharing per lo sviluppo di sistemi di intelligenza artificiale; 2) un maggiore controllo sui gatekeeper (cioè sulle piattaforme digitali in grado di condizionare l’accesso al mercato) onde evitare che essi possano abusare della loro posizione dominate; 3) una maggiore responsabilizzazione degli intermediari digitali per i contenuti prodotti e diffusi dagli utenti finali dei loro servizi, prestando particolare attenzione alle piattaforme di grandi dimensioni. Viene così scardinato il principio della neutralità del provider, sancito dalla direttiva europea sul commercio elettronico risalente al 2000. Attraverso la riaffermazione della propria “sovranità digitale” l’Unione europea sembra voler rivendicare la sua natura di spazio di libertà e di diritti, in grado di assicurare una governance antropocentrica e personalista dell’innovazione.

Biografia autore

Maria Romana Allegri, Università di Roma

Professoressa associata di Diritto pubblico, dell’informazione e della comunicazione presso il Dipartimento di Comunicazione e ricerca sociale di Sapienza - Università di Roma

Pubblicato
2021-10-20
Come citare
[1]
Allegri, M.R. 2021. Il futuro digitale dell’Unione europea: nuove categorie di intermediari digitali, nuove forme di responsabilità. Rivista italiana di informatica e diritto. 3, 2 (ott. 2021), 7-23. DOI:https://doi.org/10.32091/RIID0036.
Sezione
Sezione monografica